Approfondimenti

Primarie socialiste francesi: la destra e la sinistra nel confronto programmatico

Le proposte del candidato a gauche della Gauche e dell’affabile “candidat à l’américaine” ex ministro, gettano un’ombra sulle primarie del Partito Socialista, aleggiando nei dibattiti dei canditati. Come ha scritto su Le Figaro Yves Thréard, Jean-Luc Mélenchon ed Emmanuel Macron costituscono due lati opposti dello spettro politico a sinistra, con assai poche somiglianze, eppure un
CONTINUA A LEGGERE

C17, comincia a Roma la celebrazione del 1917

5 giorni di conferenze e workshop con più di trenta grandi intellettuali di rilievo internazionale, tra cui Eagleton, Rancière, Sassen, Traverso, Zizek) e centinaia di militanti. Correlata all’evento una mostra d’arte organizzata alla Galleria Nazionale «Oggi il comunismo non ha alternative»: è da questa constatazione, che ribalta il motto tatcheriano del «there is no alternative», che
CONTINUA A LEGGERE

Una sentenza politica per disinnescare i referendum

Mai come nel caso della decisione della Corte Costituzionale di bocciare il referendum sull’articolo 18, sarebbe giusto dire che bisogna aspettare di leggere con attenzione le motivazioni della sentenza, quando essa sarà stesa e resa pubblica. Per farsene o no una ragione. Non certo per quella sciocchezza che si sente dire per cui le sentenze si applicano e non
CONTINUA A LEGGERE

Storie

Giuseppe Fava, ucciso dalla mafia 33 anni fa

Una notte senza stelle, dinanzi al Teatro Stabile della città di Catania. Davanti all’ingresso principale del teatro un uomo sulla cinquantina dentro una Renault 5 aspetta la sua nipotina. Prima della ragazzina arriveranno i suoi carnefici: cinque pallottole calibro 7,65 nel cranio pongono fine alla vita di Pippo Fava, giornalista antimafioso siciliano. Era il 5
CONTINUA A LEGGERE

O Diyarbakir o morte! Breve viaggio in Kurdistan

Chiunque sia entrato dalla porta di ingresso della capitale del Kurdistan turco, Diyarbakir, si sarà accorto di quanto sia diversa dalla Turchia di Istanbul, della torre di Galata, delle squadre di calcio, delle moschee e dei bazar. Il sud e l’est del paese contro l’ovest e il centro, in una lacerazione che spezza a metà
CONTINUA A LEGGERE