Il piano Salvini per l’immigrazione e la possibile resistenza

L’offensiva del governo italiano e del Ministro dell’Interno Matteo Salvini contro le missioni di salvataggio dei migranti minaccia migliaia di vite nel Mediterraneo. Ma ci sono possibilità di resistenza.

di Richard Brodie – Jacobin 

 

Con un tweet, il nuovo ministro degli Interni italiano ha chiarito con parole il modo in cui l’Europa oggi manda centinaia di persone nei moderni campi di concentramento. Il 24 giugno , il nuovo ministro Matteo Salvini , che è anche il leader della dura Lega, ha twittato: “Dal profondo del mio cuore, come ministro e padre, vorrei ringraziare la Guardia costiera libica per il salvataggio 820 immigrati oggi e riportarli in Libia. Hanno ostacolato il “lavoro” dei contrabbandieri ed evitato gli interventi illeciti delle ONG “.

Le recenti elezioni italiane hanno messo il razzista più noto del Paese al ruolo di comando in materia di sicurezza pubblica e immigrazione. L’ascesa di Salvini ha portato un flusso costante di retorica razzista e, indirettamente, a una serie di attacchi razzisti. Ma ha anche provocato un’escalation omicida dell’Europa al fine di bloccare la sua frontiera mediterranea. Il 23 giugno l’Italia ha annunciato che la guardia costiera non aiuterà più le imbarcazioni in difficoltà al largo della costa libica, interrompendo una politica che ha salvato centinaia di migliaia di vite negli ultimi anni. Le imbarcazioni in difficoltà devono invece rivolgersi alla Guardia costiera libica, un’entità i cui equipaggi sono poco più che semplici contrabbandieri umani e le cui attrezzature sono pagate dall’Italia e dall’UE. Consegnare il controllo delle operazioni di salvataggio a loro significa arrestare la via di fuga dei migranti nell’incubo dei centri di detenzione affollati e violenti della Libia.

Non sono solo gli immigrati che Salvini ha nel mirino. La sua Lega, oggi al governo con il Movimento cinque stelle, ha discusso della chiusura di molte delle moschee italiane e il suo ministero ha annunciato piani per un censimento dei campeggi rom in tutto il paese. Ha anche messo gli occhi su avvocati dell’immigrazione, giornalisti liberali e volontari delle ONG, sostenendo che spacciano notizie false e si impegnano in attività umanitarie a scopo di lucro. L’attacco agli “stranieri” si rivolge anche alle missioni delle ONG in rappresentanza del capitale straniero: “navi straniere con denaro straniero”.

In tal modo, lo stato italiano sta ora ripetendo i classici paradigmi dell’antisemitismo e delle teorie cospirative. Salvini focalizza la sua rabbia sui media e sul nemico nascosto all’interno. Riferendosi ai Rom che hanno la cittadinanza italiana, Salvini ha dichiarato pubblicamente: “Purtroppo, dobbiamo tenerli”.

 

Dalla primavera araba alla nuova destra europea

Nel 2011, la morte del colonnello Gheddafi e il crollo del suo regime hanno segnato la riapertura della “porta di servizio” libica dal Medio Oriente verso l’Europa. La fessura dell’armatura europea era ora aperta. I proletari, espropriati dalla guerra o dalle multinazionali che catturano la terra o impoveriti dal colonialismo e dalla borghesia mafiosa dei loro paesi, si sono ammassati in Libia per farsi strada nella terra promessa degli stipendi, del benessere e della pace europei. Quello stesso anno vide la fine della carriera di Silvio Berlusconi e dei suoi accordi con Gheddafi per sopprimere la migrazione. Il tecnocrate dell’UE Mario Monti è stato introdotto non solo per sorvegliare le finanze statali italiane, ma anche per gestire le proteste di massa dei tunisini in fuga dalla repressione della loro rivoluzione e l’apertura su larga scala di ostelli per richiedenti asilo.

 

Porte chiuse, tiri e naufragi

Le ultime due settimane hanno visto la rapida attuazione di un piano per chiudere completamente le frontiere marittime italiane e far esplodere la paura in una parte della classe operaia italiana.

Proprio come nei primi giorni della presidenza di Donald Trump, il nuovo governo italiano iniziò con una politica di shock, un atto che potrebbe essere chiamato “vice segnalazione”, per conquistare i cuori e le menti dei suoi elettori più razzisti. Due settimane fa, ha annunciato che non avrebbe permesso l’attracco dell’Acquarius, una nave appartenente a una missione di salvataggio di Medici Senza Frontiere. Nonostante le proteste in tutto il paese da parte di politici e attivisti locali, i porti rimasero chiusi. Dopo giorni di lotte tra le potenze europee, l’ Acquarius è stato accolto dal nuovo Primo Ministro spagnolo di centro-sinistra, Pedro Sanchez.

I 600 migranti hanno trascorso più di una settimana in mare prima di raggiungere finalmente Valencia. Eppure, mentre l’ Acquarius stava arrivando in Spagna, il governo italiano annunciò che i porti sarebbero stati chiusi anche a due ulteriori navi di soccorso, il Lifeline e il Seefuchs . In mancanza di un approdo sicuro, quest’ultima nave ha trasferito più di 100 persone su una nave mercantile. Il ministro dei trasporti italiano (un membro del Movimento delle cinque stelle) ha dichiarato che dal momento che i Seefuch portano la bandiera olandese, i Paesi Bassi dovrebbero accettare tutti i migranti che ha salvato. Giovedì, i Paesi Bassi hanno rimosso a Seefuchs la protezione legale, costringendolo a tornare a La Valletta. Allo stesso tempo, la Lifeline raccolse oltre 200 persone in difficoltà, rifiutando di consegnarle alla vicina guardia costiera libica. Lo stato italiano continua a rifiutare l’ingresso ai suoi porti, anche se le sue pressioni su Malta – sbarcare i migranti e sequestrare la nave Lifeline – sono stati respinte. Cinque giorni dopo, i 230 passeggeri restano in mare .

Per i primi dieci giorni, mentre le navi delle NGO venivano dirottate e minacciate, la Guardia Costiera italiana continuava a soccorrere e sbarcare persone nei porti siciliani. Nelle ultime due settimane, la nave della Guardia Costiera Italiana Diciotti ha portato 900 persone nel porto di Catania e altre 500 a Pozzallo. Eppure nemmeno l’USNS Trenton, una nave della marina americana, fu autorizzata ad attraccare in Italia, dopo aver soccorso quarantuno persone dall’annegamento. I passeggeri hanno trascorso più di una settimana in mare in attesa di una soluzione. Dodici cadaveri erano stati recuperati quando furono salvati; dopo due giorni la nave della marina americana – una nave appartenente alla più grande potenza militare mai conosciuta – affermò che mancava la refrigerazione a bordo e, senza la volontà politica o morale di fare altrimenti, gettò i dodici cadaveri nel mare. I quarantuno sopravvissuti furono infine trasferiti al Diciotti.

La violenza in mare è stata parallela alla violenza sulla terra. La campagna elettorale di quest’anno è stata segnata da una sparatoria fascista a Macerata, così come l’ uccisione razzista di un senegalese , Idy Diene, a Firenze, il giorno dopo il conteggio dei voti. Tre mesi dopo, quando fu finalmente annunciato il governo della Lega delle Cinque Stelle, un contadino e attivista sindacale in Calabria, Soumaila Sacko (originario del Mali) fu assassinato. Questi attacchi sono accelerati nelle ultime due settimane. Lo stesso giorno in cui il sindaco di Napoli annunciò (simbolicamente) che il suo porto era pronto ad accogliere l’ Acquarius. Sono 600 migranti, due giovani uomini di razza maliana sono stati uccisi con un fucile ad aria compressa nella vicina Caserta. Il tiratore gridò: “Salvini! Salvini! “Due giorni dopo, due italiani armati di fucile e coltelli sono entrati in un ostello per migranti a Sulmona. Quando l’Acquarius finalmente sbarcò a Valencia, un uomo senegalese, Assan Diallo, fu ucciso a colpi d’arma da fuoco a Milano. Due giorni dopo, un giovane attivista nero di Napoli è stato ferito in strada con una pistola a pallini. Ogni atto di salvataggio in mare sembra essere accompagnato da un atto di violenza sulla terra.

Le morti a terra e in mare fanno parte di un’unica tendenza alla svalutazione della vita nera in Italia (con un effetto significativo sull’intensificazione delle condizioni per lo sfruttamento del lavoro). Solo quest’anno almeno 1.000 persone sono morte attraversando il mare, uccise dalle frontiere europee – 300 solo nelle ultime due settimane. Conosciamo questi naufragi principalmente dai sopravvissuti; i quaranta passeggeri degli Stati Uniti Trenton riferiscono di aver visto annegare almeno sessanta persone, compresa una madre incinta. Tra il 18 giugno e il 20 giugno, c’erano almeno quattro naufragi, contando gli oltre 200 morti e circa 200 sopravvissuti catturati dalla guardia costiera libica. Domenica, 24 giugno, oltre 800 persone sono state catturate dalla Guardia costiera libica mentre la missione di salvataggio delle braccia aperte attese nelle vicinanze, senza poter intervenire.

Nel 2013, il percorso si rivelò così micidiale che un gran numero di siriani rifiutò di prenderlo, preferendo aspettare in Nord Africa, Medio Oriente e Turchia per aprire altre rotte. Sotto il governo di centrosinistra di Matteo Renzi, l’ operazione di salvataggio di Mare Nostrum dello stato italiano fu tagliata. Mentre lo stato lasciava affogare le persone, le missioni marittime umanitarie gestite dalle ONG cercavano di salvarle. Anche così, con il numero di morti in mare durante il 2014 e il 2015, questo non ha impedito a centinaia di migliaia di sfidare la rotta: infatti, tra il 2014 e il 2016, oltre 150.000 hanno fatto la traversata ogni anno.

Ma fu l’esplosione della frontiera della difesa orientale della Fortezza Europa nell’estate del 2015 che mobilitò le forze attraverso lo spettro politico. Le masse arabe e africane della classe operaia cheattraversano le frontiere marittime dell’Europa e le frontiere interne territoriali hanno ricevuto espressioni di solidarietà da tutta la società civile, ma hanno anche accelerato la chiusura delle frontiere. Nell’autunno 2015, il cosiddetto approccio “hot spot” (in ultima analisi, ispirato alla politica di “tolleranza zero” di New York per i giovani uomini di colore) era stato installato per rafforzare il controllo delle frontiere interne dell’Europa. Entro la primavera del 2016, l’accordo Turchia-Grecia, infamemente, tentò di chiudere la frontiera orientale, legando il governo di Syriza ad Atene a un’atrocità dei diritti umani.

Nella primavera del 2017, il governo italiano di centro-sinistra, guidato da Paolo Gentiloni e dall’allora ministro degli interni Marco Minniti, ha stipulato un accordo con il governo di Serraj in Libia per armare e finanziare le milizie libiche per sequestrare le barche dei migranti in partenza. Il piano è stato finalmente implementato alla fine dell’estate. Al momento delle elezioni del marzo 2018, c’era già stato un calo del 75% nel numero di sbarchi di migranti, e una campagna di retorica e violenza razzista superava gli sforzi delle forze progressiste di sinistra e cattoliche, che in precedenza avevano sostenuto il salvataggio operazioni.

 

Decessi di confine a costo ridotto

Ci sono almeno tre ragioni per il cambio di strategia dello stato italiano. Innanzitutto, il piano Salvini – almeno in teoria – consente all’Italia di ottenere concessioni dall’UE in cambio della gestione del principale punto di accesso sulla frontiera meridionale dell’Europa. Tale negoziazione non sarebbe di per sé una cosa negativa se venisse accompagnata da una maggiore libertà di movimento per i migranti in Europa (ad esempio, rilassando i controlli alle frontiere interne e consentendo ai migranti in arrivo di richiedere asilo in un paese di loro scelta). Qualsiasi accordo di questo tipo dovrebbe avvenire su base statale data la vasta eterogeneità politica dell’UE nel momento attuale. Ad esempio, sarebbe più facile per gli stati italiani e francesi raggiungere un accordo su una maggiore libertà di movimento (sia per i cittadini che per i non cittadini) su base bilaterale, piuttosto che aspettare che i governi di estrema destra nell’Europa centrale e orientale siano d’accordo. L’approccio bilaterale dell’Italia può anche essere visto nel corteggiamento degli stati egiziani e libici. Matteo Salvini ha persino apertamente respinto la necessità di indagare sull’assassinio egiziano dell’accademico italiano Giulio Regeni, vista la necessità di ingraziarsi il governo di quel paese. Eppure ci possono essere alcuni esempi migliori diinsensibilità delle capacità capitalistiche di centinaia di persone che vengono lasciate annegare per il gusto di vendere monete.

Il Piano Salvini potrebbe anche essere progettato per spezzare la coalizione di sostegno del Movimento a cinque stelle e consolidare il potere della Lega, sia attraverso i voti locali in corso sia con eventuali elezioni generali che potrebbero essere definite. Le recenti elezioni locali hanno effettivamente visto il centrosinistra conquistare seggi per il sindaco in tutta Italia, spesso con il 60% dei voti. Il movimento a cinque stelle, che è arrivato per primo in tutto il Sud nelle elezioni generali di marzo, sembra non stia più puntando molto dopo essersi alleato con la Lega, la cui retorica anti-migranti corrispondeva all’odio per i sudisti (solo di recente ha abbandonato il nome “Lega Nord”) dalla sua propaganda a livello nazionale). Una nuova elezione, probabilmente risultante in guadagni per la Lega, consentirebbe al partito di Salvini un maggiore controllo delle finanze statali e soddisferà gli interessi conservatori capitalisti che ne stanno dietro, senza dover cedere ad alcune delle (limitate) richieste della Five Star per la riforma del welfare .

Ultimo ma certamente non meno importante, il Piano Salvini è più economico. Il piano Minniti del precedente governo di centro-sinistra era complicato e costoso: si basava sul marshalling di una serie di tattiche diverse sotto l’egida di varie agenzie statali e para-statali. Si basava sulla guardia costiera libica (contrabbandieri in uniforme) per pattugliare il confine marittimo meridionale e catturare i migranti in partenza; sui leader politici locali libici per manovrare i contrabbandieri umani in questo ruolo; sulla guardia costiera italiana e Frontex (l’agenzia di frontiera europea) per effettuare operazioni di salvataggio e sorvegliare gli sbarchi; sulle ONG italiane a sostenere il lavoro di aiuto nei centri di detenzione libici per migliorare la catastrofe umana causata dal blocco della via di fuga; e, in pratica, su servizi di sicurezza dello Stato e fascisti (“Identitari”) per spiare organizzazioni umanitarie, così come i tribunali per criminalizzarli. Tuttavia, è stato efficace: nel corso dell’estate 2017 metà delle campagne umanitarie sono state costrette, direttamente o indirettamente, ad abbandonare il Mediterraneo, e gli arrivi dalla Libia sono stati ridotti del 75%. Il Piano Salvini è molto più semplice: spinge tutte le responsabilità ei costi per l’offensiva della borghesia su altri attori, siano essi spagnoli, francesi o libici.

Un’altra grande minaccia che il nuovo governo fece durante la sua campagna elettorale fu quella di deportare mezzo milione di persone (una vaga stima del numero di non europei in Italia senza documenti). Questa politica è politicamente ed economicamente costosa per tre motivi.

Mentre le deportazioni sono costose, politicamente ed economicamente, la chiusura dei porti e il ritiro della Guardia Costiera italiana sono inutili.

 

L’incantesimo della migrazione

In Italia oggi, la migrazione è diventata il tema privilegiato e quasi esclusivo del dibattito politico. La migrazione ha lanciato un incantesimo sul Paese. Le questioni sociali che riguardano tutta la sua popolazione – sia i cittadini che i non-cittadini – come l’alloggio, i diritti dei lavoratori e l’uguaglianza di genere, riescono a emergere solo sporadicamente al di sopra delle ondate politiche lasciate dalla scia delle gomme.

Contrastare la nuova retorica estremista dello stato italiano non è facile. Di fatto, gli attacchi al “radicalismo” di destra si sono spesso ritorti contro. Le critiche al linguaggio irrazionale o alle politiche illegali si limitano a incoraggiare l’affermazione di una serie di contro-verità: ognuno ha il proprio video su YouTube e factoide a cui puntare. E qualsiasi interpretazione del mondo basata esclusivamente sull’invocazione di regole e regolamenti internazionali non riesce a far fronte al bisogno di cambiamento del brevetto.

Tuttavia, il potere dell’odio di destra estrema non deriva solo dal suo radicalismo o dalla leva delle potenze capitaliste che lo finanziano. Matteo Salvini non è solo il risultato del fallimento della sinistra, ma, ironia della sorte, il successo della rivolta del passato. Il timore che suscita è basato su atti di resistenza molto reali contro il regime di confine. Senza lo sfondamento di massa del 2015, in cui i migranti hanno ridimensionato e sciolto i confini dell’Europa orientale e meridionale, la nuova destra europea non avrebbe avuto il materiale di base da cui partire per costruire il suo odio e le sue bugie.

L’ala destra sta oggi armando i risultati del successo conquistato da questi migranti. L’Italia ora teme il migrante più di ogni altra cosa – più che fascisti o terroristi o eserciti invasori. Questo non è romanticismo o, anzi, celebrazione: è il riconoscimento più basilare della pura fame e della determinazione della resistenza dei migranti, che continua nonostante la morte e la sofferenza nel deserto e nel mare.

In risposta, lo stato italiano sotto il governo della Lega a cinque stelle sta ora tentando di chiudere completamente le sue frontiere. Se riuscirà, condannerà molti in Libia alla tortura, alla deformità e persino allo sterminio. Ma c’è speranza. Chiudere le persone sottolinea anche il valore del lavoro di coloro che sono già qui. Anche nei suoi tentativi di limitare i nuovi arrivi, lo stato italiano sta dando una forma più concreta a una parte della classe lavoratrice immigrata e italiana nata.

Aboubakar Soumahoro – una figura di spicco nell’unione USB, in cui anche il contadino ucciso Soumaila Sacko era attivo – ha fortemente affermato questo interesse di classe. Nelle sue parole, “Solidarietà significa riunire umanità e giustizia sociale, cominciando dai bisogni delle persone in quanto esseri umani e non beni da scambiare. Solidarietà significa contadini e corrieri che marcia fianco a fianco, datori di lavoro pubblici e lavoratori del settore privato, i disoccupati con i precari, accomunati dal bisogno comune di pari retribuzione per lo stesso lavoro – indipendentemente dal colore della tua pelle o da quale parte del mondo tu vieni da

Il piano Salvini potrebbe quindi forzare l’apertura non solo alla questione europea, ma a un problema ancora più globale. Perché, nonostante le sue intenzioni, solleva il problema di un’unità di classe veramente internazionale.

 

Fonte in lingua originale: https://jacobinmag.com/2018/07/matteo-salvini-plan-borders-european-union-migration