Infografica: storia dei “cessate il fuoco” tra Pkk e Turchia

LA STORIA INFINITA DEI CESSATE IL FUOCO IN TURCHIA

Nella notte tra il 24 e il 25 luglio, un raid aereo contro le postazioni dei guerriglieri kurdi sulle montagne di Qandil viola il cessate il fuoco in vigore dal 2013, determinando una ripresa delle ostilità tra la Turchia e i guerriglieri del PKK. Nel corso del mese di agosto e in queste prime settimane di settembre, la situazioni peggiora esponenzialmente. E’ di nuovo guerra aperta tra il governo di Ankara e il PKK ed inoltre si moltiplicano gli attacchi contro le sedi del filo kurdo Partito Democratico del Popolo (HDP), che alle scorse elezioni generali del giugno 2015 è riuscito a superare la soglia di sbarramento del 10%, ottenendo il 13% dei voti. La situazione è aggravata dalla mancanza di un governo stabile: i risultati delle scorse elezioni non hanno confermato la maggioranza di governo al Partito della Giustizia e dello Sviluppo (AKP) e i tentativi di formare un governo di coalizione sono naufragati all’inizio dell’estate. Nuove elezioni sono previste per il prossimo 1 novembre, ma c’è chi dubita che si possano svolgere elezioni generali in questa situazione. Di nuovo la questione kurda rivela la fragilità democratica della Repubblica turca. Numerosi osservatori, pur riconoscendone i limiti, avevano scommesso sul processo di pace in atto negli ultimi anni ma gli attacchi di luglio, la fine del cessate il fuoco e il conseguente fallimento dei trattati di pace hanno distrutto anche le più solide speranze. Quella di luglio è solo l’ultima di una lunga serie di violazioni dei cessate il fuoco, che sembrano voler rendere la pace una possibilità remota per il popolo kurdo.

Infografica realizzata da Bianca Benvenuti e Flavia Cappellini per Sinistra in Europa

Leave a Reply