La caduta del Trump norvegese

Spronato da un partito di sinistra radicale, il parlamento norvegese ha licenziato dal governo il più importante politico anti-immigrati del paese.

di Ellen Engelstad – The Jacobin

 

L’ultima volta che la Norvegia ha attirato l’attenzione dei media internazionali, è stato perché Donald Trump ha osservato che più immigrati dovrebbero venire negli Stati Uniti da paesi come la Norvegia e meno da luoghi “shithole”. Ciò spinse una serie di barzellette e battute sulla Norvegia come il paese più bianco del mondo, una fantasia perfetta per un presidente razzista.

In che modo la Norvegia è bianca in realtà dipende da come la definisci, ma la razza, l’immigrazione e la “conservazione culturale” hanno davvero sollevato molte questioni in questo piccolo paese. Il mese scorso è culminato con il licenziamento del ministro della Giustizia Sylvi Listhaug, che sia i sostenitori che i detrattori hanno paragonato a Trump.

Ma cosa è successo realmente? E quanto è stato un duro colpo per il populismo di destra?

Listhaug appartiene al Progress Party (FrP), una formazione di destra con una storia di fischi e razzismo canaglia che è stato al governo dal 2013 con il partito conservatore di destra Høyre.

Per molto tempo l’establishment norvegese si è rifiutato di collaborare con il PF, ritenendolo troppo estremo. Hanno cambiato idea per convenienza elettorale. Avendo bisogno di voti per assicurarsi la maggioranza, i partiti di destra hanno invitato il partito nella stanza dei bottoni e hanno accolto con favore la loro collaborazione. Da allora, i principali partiti di destra hanno assicurato al pubblico che la destra populista norvegese non è come in altre parti d’Europa – è più mite e moderata, meno storicamente nociva. Mentre i democratici svedesi hanno un netto passato nazista, le radici di questo partito hanno una matrice liberale anti-fiscale.

Tuttavia potrebbe essere giusto chiederci se non ci siamo illusi che i norvegesi abbiamo l’olio più pulito, i fiordi più belli e i più dolci politici di estrema destra del continente. Sono trascorsi appena trent’anni da quando Carl Hagen, il capo della FrP all’epoca, ha falsificato una lettera di un musulmano residente in Norvegia e l’ha usata per affermare che l’Islam stava prendendo il controllo del paese. Nei decenni successivi, le invettive della Frp hanno spinto le politiche anti-immigrati e alimentato la paura anti-musulmana. I due leader in quegli anni, Hagen e Siv Jensen, sono stati conosciuti soprattutto per le loro affermazioni bigotte.

 

E poi arrivò Sylvi Listhaug.

Listhaug è diventato commissario cittadino (byråd) del welfare e dei servizi sociali a Oslo nel 2006, dove ha insistito per una maggiore competizione e un maggiore coinvolgimento del settore privato nel governo. Dopo aver lavorato per una società di consulenza, nel 2013 è entrata nel governo di coalizione di destra come ministro dell’agricoltura e dell’alimentazione. Mentre era ancora in gran parte sconosciuta, ha suscitato polemiche e timori tra gli agricoltori per le sue dichiarazioni nel 2010 secondo cui la politica agricola della Norvegia era un “sistema comunista”.

A poco a poco è diventata la star politica del partito e il politico anti-immigrati più esplicito del paese. Durante la “crisi dei migranti” europea nel 2015, ha infuriato contro la “tirannia del bene”: persone ragionevoli che volevano semplicemente politiche di immigrazione più restrittive venivano etichettate senza cuore e razziste da “tiranni del bene”, che usavano le loro posizioni come “commissari morali” per impedire il dibattito sulle conseguenze dell’immigrazione.

Poi, in dicembre, Listhaug è stata nominata in una carica di gabinetto appena creata: ministro dell’immigrazione e dell’integrazione. Si trattava di un evento allo stesso tempo scioccante e atteso. Scioccante perché la destra conservatrice, che sosteneva di essere moderata, ha scelto la più importante voce anti-immigrazione come ministro dell’immigrazione. E attesa perché i PF avevano guadagnato il 16% dei voti quando si unirono alla coalizione. Erano abbastanza forti da ottenere ciò che volevano e volevano che Listhaug fosse responsabile dell’immigrazione e una piattaforma per diffondere le opinioni del partito. Listhaug rapidamente ha fatto il meglio. Poco dopo essere entrata nella nuova posizione, a fine dicembre 2015, Listhaug ha promesso di rendere la politica norvegese sull’asilo “una delle più severe in Europa”.

Da allora Listhaug è stato l’eroe dell’estrema destra norvegese, un provocatore abile nel trollare la sinistra e i media liberali. In uno spettacolo che ha ricevuto l’attenzione internazionale – e ha spinto John Oliver ad etichettarla “forse l’essere umano dall’aspetto più norvegese che abbia mai vissuto ” – Listhaug ha testato “cosa deve provare un migrante” galleggiando in una muta nel Mediterraneo . Durante la campagna elettorale dello scorso anno, ha affermato che il leader dei democristiani, Knut Arild Hareide, “e altri politici” stavano leccando il fondoschiena dei religiosi musulmani.

La destra ha vinto la competizione elettorale e nel nuovo gabinetto ha ricevuto un nuovo incarico: ministro della giustizia, sicurezza pubblica e immigrazione. Nella notte delle elezioni, il partito di estrema sinistra Rødt , che ha ottenuto la rappresentanza parlamentare per la prima volta nella sua storia, ha promesso che l’avrebbero cacciata dal suo incarico.

 

Il post

Il 9 marzo Listhaug ha pubblicato una foto di un gruppo dall’aspetto inquietante, presumibilmente in Medio Oriente, accanto alla didascalia: “I laburisti pensano che i diritti dei terroristi siano più importanti della sicurezza nazionale. Clicca ti piace e condividi “. L’impeto per il post era dovuto ad una proposta di legge che avrebbe permesso al ministero della giustizia di revocare la cittadinanza di combattenti e terroristi stranieri senza l’approvazione del tribunale. Il progetto è andato in parlamento. I laburisti, il principale partito di opposizione, concordarono che i noti combattenti stranieri dovevano essere privati ​​della loro cittadinanza, ma non prima che il caso fosse posto di fronte a un giudice. Il disaccordo era quindi minore, e questo era forse il vero scandalo – che la rimozione della cittadinanza è stata presa così alla leggera da tutti i principali partiti politici. Si potrebbe quindi applicare anche, ad esempio, ai norvegesi con doppia cittadinanza che sono andato a sostenere  la lotta di liberazione curda nel nord della Siria ?

Per Listhaug, però, tali domande erano ovviamente irrisolte: questa era un’altra possibilità di attaccare e aggredire il partito laburista. Tale animosità potrebbe sembrare strana da una prospettiva di sinistra, considerando che il Labour è composto da socialdemocratici piuttosto moderati che sono desiderosi di attraversare il corridoio e cercare consenso. Nel 2015, ad esempio, il partito ha tagliato un accordo di asilo in accordo con il governo conservatore.

Nella febbrile immaginazione dell’estrema destra, tuttavia, il Laburista che sostiene le frontiere aperte è un traditore della nazione. Questa paranoia ha raggiunto il suo picco più orribile nel 2011, quando il terrorista di destra Anders Behring Breivik ha bombardato un edificio governativo e poi ha fatto una serie di omicidi in un campo giovanile del Partito laburista. Settantasette vite furono perse. Dopo l’attacco, la nazione si unì e il governo laburista diffuse un messaggio di amore, unità e democrazia. Era tutto molto caldo e confuso, ma le conseguenze hanno paradossalmente creato un clima politico per cui attaccare l’estremismo di destra che alimentava le azioni di Breivik divenne tabù. Sottolineare che l’odio di destra era la ragione dietro l’attacco, voleva dire esporsi alle accuse di “giocare la carta del 22 luglio” e infangare gli avversari come sostenitori di un lupo solitario impazzito.

 

La caduta di Listhaug

Il post su Facebook di Listhaug del 9 marzo ha scosso il panorama politico. Pubblicato il giorno di apertura del primo film sugli attacchi del 2011, il post ha scatenato critiche da parte di tutti i principali partiti, compresi i partner della coalizione di Listhaug. Lunedì 12 marzo il leader dei Democratici Cristiani ha insistito sul fatto che Listhaug avesse una sola opzione: cancellare il post e chiedere scusa. “Elimina e chiedi scusa” non è il modus operandi di Listhaug, che infatti si è rifiutata di rimuovere il post offensivo per un altro paio di giorni. Quando alla fine cedette, citò i problemi di copyright come la ragione del suo giramento. Lo stesso giorno, Rødt propose una mozione di sfiducia.

Listhaug è apparso davanti al parlamento il giorno seguente, dove ha incontrato un’opposizione furiosa. Quattro volte è stata costretta a scusarsi. Dopo la sessione, il partito laburista ha deciso, piuttosto sorprendentemente, di sostenere il voto di sfiducia, e i Verdi, la sinistra socialista e il partito del centro hanno seguito l’esempio. Ora tutto ciò che serviva era l’appoggio della Democrazia Cristiana e la mozione avrebbe avuto la maggioranza. Secondo la tradizione parlamentare norvegese, una tale mossa avrebbe provocato le dimissioni dell’intero governo, a meno che Listhaug non si ritirasse o venisse licenziato dal primo ministro. Intento a mantenere la maggioranza, il primo ministro Erna Solberg ha dichiarato che non avrebbe fatto nulla del genere. Era pronta ad attaccarsi al PF e ad abbattere l’intero governo se il parlamento avesse votato la sfiducia.

Lunedì 19 marzo, la commissione nazionale dei Democratici Cristiani ha deciso in una sessione di emergenza che non aveva fiducia in Listhaug e ha chiesto al primo ministro di “prendere misure per risolvere la situazione”. Il giorno dopo Listhaug ha annunciato che si sarebbe dimessa da ministro e sarebbe tornata al suo posto come membro del parlamento regolare. In una conferenza stampa, ha affermato di essere stata vittima di una caccia alle streghe e di essersi dimessa per salvare il paese da un governo laburista – che, a suo avviso, sarebbe una “catastrofe per la Norvegia”.

 

La maggioranza è con noi

Come dovremmo interpretare tutto questo?

In primo luogo, dovrebbe essere visto come una vittoria per la sinistra . Il più eminente politico di estrema destra della Norvegia viene cacciato dal governo e ridimensionato al livello di uno dei 169 parlamentari. Senza il posto ministeriale – di quelli importanti – Listhaug dovrebbe ricevere meno attenzione da parte dei media e manterrà meno potere. In secondo luogo, una linea dura è stata presa contro l’allarmismo di destra, che è stato progettato per dividere il paese in abitanti apparentemente leali e sostenitori presumibilmente traditori di terroristi e immigrati. Infine, e soprattutto, questa è una vittoria per la maggioranza del paese che non crede alla narrazione di destra che la nazione e i suoi valori sono sotto attacco da parte degli immigrati.

Nel 2015, Listhaug ha affermato che era impossibile mettere in discussione se accogliere i rifugiati fosse una buona politica, che il clima politico rendesse impossibile “dire la verità” sull’immigrazione. È venuto fuori il contrario: dato che la destra è diventata più forte in tutta Europa, hanno sempre più dominato i dibattiti nazionali, etichettando chiunque non sia d’accordo con loro come ingenuo e senza contatto, spaventandoli nel silenzio. Agli immigrati è stato detto di stare zitti e di essere grati o, meglio ancora, di andarsene, mentre i nativi norvegesi che sostengono una politica di immigrazione più umana hanno dovuto tacere perché sono dei buonisti, senza basi nella realtà.

Le ultime settimane hanno dimostrato che la narrazione può cambiare. Una giovane donna, Camilla Ahamath, ha avviato una raccolta fondi per Medici Senza Frontiere nel nome del leader di Rødt, Bjørnar Moxnes, per salutare la sua mozione di sfiducia. In soli tre giorni la campagna ha raccolto oltre 17 milioni di corone (circa $ 2,2 milioni) da circa 80.000 persone. È una conferma di ciò che avremmo dovuto sapere da sempre: i sostenitori di estrema destra di Listhaug sono rumorosi, soprattutto online, ma sono relativamente pochi. La maggior parte dei norvegesi è stufa di parole tossiche e paura. In un sondaggio condotto subito dopo il famigerato post su Facebook, e prima delle sue dimissioni, una netta maggioranza della popolazione ha dichiarato di avere una cattiva impressione del politico di estrema destra, e solo il 22 per cento ha dichiarato di averne una buona. Quando Listhaug si dimise, L’84% degli intervistati ha dichiarato di ritenerla una buona decisione. E l’anno scorso un sondaggio ha rilevato che oltre il 70 per cento dei giovani dichiara che “combattere il razzismo e la xenofobia” è la questione politica più importante, mentre la “limitazione dell’immigrazione” non è al primo posto.

Questo non significa che tutto vada bene e vinto. Il Partito del progresso ha aumentato sia i suoi membri sia il sostegno nei sondaggi dopo questo episodio, ed è giusto dire che la Norvegia è più divisa e non necessariamente più orientata a sinistra. La cosiddetta destra moderata si è dimostrata piuttosto disponibile a proteggere l’estrema destra per rimanere al potere. Il primo ministro Erna Solberg ha ringraziato Listhaug per il suo servizio, ha detto che sarà benvenuta nel governo in un secondo momento, e ha cercato di minimizzare la responsabilità di Listhaug sostenendo che la retorica estrema abbonda “da tutte le parti”.

Tuttavia, la lezione che la sinistra norvegese dovrebbe trarre dall’estromissione di Listhaug è che guadagniamo forza rinsaldando i nostri principi, non facendo marcia indietro o scusandoci per i nostri valori. La maggioranza è con noi – indipendentemente da quanto la Destra insista altrimenti.

 

Fonte originale in lingua inglese: https://www.jacobinmag.com/2018/04/norway-far-right-sylvi-listhaug-immigration