Macron si conferma come “il presidente dei ricchi”

Il presidente francese, Emmanuel Macron, arriverà questo lunedì, 7 settembre, al suo primo anno di mandato confermandosi come “il presidente dei ricchi”.

di Enric Bonet – Publico

Traduzione in italiano a cura di Adriano Manna per Sinistra in Europa

 

“Macron non è il presidente dei ricchi, ma il presidente dei molto ricchi”, ha detto l’ex presidente socialista François Hollande, un mentore del leader centrista che scelse come ministro dell’Economia. Usato dai suoi detrattori per rimproverare le sue politiche favorevoli all’aumento delle disuguaglianze, questo “marchio” si riflette anche nell’opinione pubblica. Il 48% dei francesi che guadagnano più di 6.000 euro al mese si è dichiarato “conquistato” da Macron, mentre la percentuale della popolazione nel suo insieme è solo del 33%, secondo un’indagine del quotidiano Le Monde.

“Macron è riuscito a unificare in un unico blocco elettorale la borghesia nel suo insieme e una percentuale significativa di pensionati”, afferma lo scienziato politico Jérôme Sainte-Marie, presidente del gabinetto di analisi PollingVox. Dopo aver ricevuto il sostegno nello scorso anno della maggior parte dei sostenitori del morente Partito socialista francese – metà degli elettori di Hollande nel 2012 scommettono su Macron dal primo turno – il giovane leader ora intende sedurre l’elettorato dei repubblicani, l’equivalente del PP in Francia.

Secondo l’analista politico Jérôme Fourquet, direttore del dipartimento di opinione dell’Istituto Ifop, “Macron è impegnata in una politica di destra”, che si riflette nella sua batteria di riforme neoliberali e uno stile personale, con sfumature autoritarie.

 

Riforme neoliberali molto classiche

Dopo aver promesso di “unire il meglio della sinistra e della destra”, il leader centrista ha spinto con grande velocità tutta una serie di riforme neoliberali molto classiche. La riforma del lavoro, approvata dal decreto del governo a settembre, ha ridotto il costo dei licenziamenti e flessibilizzato significativamente il mercato del lavoro.

I primi bilanci del mandato Macron sono stati contrassegnati da una riduzione di 5.000 milioni di euro da imposte sui redditi più alti. Questa politica fiscale è simile a quella promossa da Donald Trump negli Stati Uniti, secondo il famoso economista Thomas Piketty. Ora sarà rafforzata con la rimozione della exit-fiscale, una tassa che colpiva le grandi fortune che hanno trasferito la loro residenza fiscale in un altro paese con una tassazione più vantaggioso, ha annunciato il presidente francese la scorsa settimana nella rivista americana Forbes, editoria riferimento degli oligarchi mondiali, in cui hanno presentato Macron come “il leader del libero mercato”.

Macron ha anche promosso la controversa riforma della società ferroviaria statale SNCF. Un provvedimento che non farà che peggiorare le condizioni di lavoro dei lavoratori in questa società e di aprire alla concorrenza internazionale il settore ferroviario francese, come richiesto da anni dalle autorità dell’Unione europea ai rispettivi governi francesi. Inoltre, prepara le privatizzazioni della compagnia pubblica delle lotterie Française des Jeux e degli Aeroporti di Parigi.

D’altra parte, le misure di natura più sociale, che dovrebbero favorire la protezione e la formazione dei disoccupati, sono state relegate in secondo piano. La promessa che i lavoratori autonomi e le persone che si sono dimessi dal loro impiego avrebbero anche diritto alle indennità di disoccupazione è stata molto limitata.

Solo circa 50.000 persone (al massimo) trarranno beneficio da questo dispositivo ogni anno e dovranno presentare un dettagliato progetto di riqualificazione professionale. L’esecutivo centrista intende anche rafforzare il controllo sui disoccupati e minaccia di ridurre i sussidi di disoccupazione. “L’equilibrio social-liberale promesso durante la campagna è scomparso”, spiega l’economista Frédéric Farah, coautore del lavoro “inquiète à la Macron-économie”. “Sebbene si presenti come un giovane e moderno politico, Macron è molto conservatore e le sue politiche fanno parte dell’ortodossia economica messa in pratica negli ultimi trent’anni”, aggiunge questo professore di economia presso l’Università Sorbona di Parigi e membro del collettivo degli economisti keynesiani “Les Économistes atterés”.

 

Un leader forte con sfumature autoritarie

“Nello stesso momento in cui si presenta come il presidente di una nazione in fase di start-up, il giovane presidente coltiva anche un lato autoritario per sedurre gli elettori di destra”, spiega Farah. Come riconosciuto dallo stesso Macron nel 2015 sul settimanale Le1, in Francia c’è un “vuoto emotivo, immaginario e collettivo” provocato “dall’assenza del re”. “Abbiamo cercato di colmare questa lacuna attraverso altre figure, come i momenti napoleonici o gollisti. Durante il resto del tempo, la democrazia francese non è stata in grado di riempire questo spazio”. Per questo motivo, Macron esercita il potere, secondo le sue stesse parole, in modo gioviano, cioè onnipotente.

 

Dopo aver promesso di “unire il meglio di sinistra e di destra”, il giovane leader francese scommette sulla seduzione dell’elettorato conservatore

“Siamo di fronte a un concentrato di potere con uno stile bonapartista”, afferma Fourquet. Cioè, si è impegnato a riformare la società francese con grande velocità, con un governo dominato da profili tecnocratici. I suoi ministri sono ancora sconosciuti alla maggior parte dei francesi, un anno dopo la sua elezione.

“Macron crede che in un mondo che si sta muovendo velocemente, è una perdita di tempo negoziare con gli organismi intermedi, come i sindacati”, riconosce l’analista politico di Ifop. Né gli ha tremato il polso quando ha fatto ricorso a importanti schieramenti di polizia per evacuare le università occupate o per affrontare gli attivisti ambientali della Zona autonoma a Difensore (ZAD) a Notre-Dame-des-Landes, nella Francia occidentale.

La rigenerazione promessa con l’arrivo dei deputati della Repubblica a marzo (il partito di Macron) all’Assemblea nazionale – una buona parte di loro non aveva precedentemente ricoperto cariche elettive – non si è tradotta in un nuovo modo di fare politica. Il solito ruolo secondario del ramo legislativo in Francia è stato persino rafforzato. Oltre a promuovere testi chiave, come la riforma del lavoro o la SNCF, attraverso il percorso delle ordinanze, che limita il dibattito parlamentare, il giovane presidente francese usa la sua maggioranza assoluta (350 deputati su un totale di 577) per far approvare leggi che sono praticamente una copia dei progetti legislativi dell’Esecutivo.

Solo la controversa legge sull’immigrazione ha generato tensioni nel seno della maggioranza presidenziale. Questo testo è stato approvato in seduta notturna, domenica scorsa 22 aprile, alle undici di sera. Cosa che serviva a nascondere le tensioni interne. Nove deputati del partito di Macron si sono astenuti e uno di loro ha votato contro: Jean-Michel Clément, un ex deputato socialista che ha lasciato il gruppo parlamentare LREM per non aver rispettato lo slogan elettorale.

Tuttavia, circa un centinaio dei rappresentanti dei macronisti non parteciparono al voto di una legge contraria alle promesse umanitarie di Macron, il quale sostenne che l’accoglienza dei rifugiati era “un dovere morale e politico per la Francia”. Il nuovo testo facilita l’estradizione degli immigrati e estende da 45 a 90 giorni il periodo massimo di detenzione di uno straniero in un centro di detenzione amministrativa (l’equivalente di un CIE in Francia). Una politica migratoria xenofoba che seduce gli elettori di destra.

 

Un presidente senza opposizione?

“Macron ha avuto la capacità di fare sua la determinazione per implementare riforme per soddisfare gli elettori più ricchi”, dice lo scienziato politico Thomas Guénolé, capo della scuola francese di formazione Insumisa di Jean-Luc Mélenchon (repubblicano e socio-ecologista). “E questo ha permesso alla sua popolarità di rimanere stabile”, aggiunge Guénolé, che accusa il presidente francese “di portare avanti una guerra sociale”.

Il 64% dei francesi afferma di essere deluso dall’azione politica di Macron, mentre il 36% si dichiara soddisfatto, secondo una recente indagine di Ipsos per la televisione pubblica francese. Livelli di popolarità relativamente bassi, ma superiori a quelli dei suoi predecessori, François Hollande e il conservatore Nicolas Sarkozy, allo stesso tempo.

“Macron è sostenuto da una minoranza, ma rappresenta il blocco elettorale più importante contro un’opposizione divisa”, dice Sainte-Marie. Secondo questo analista politico, “ci sono quattro opposizioni davanti all’esecutivo macronista”. Da un lato, il decadente Partito socialista francese e i repubblicani “, ma in realtà rappresentano solo una semi-opposizione, poiché la maggioranza dei loro deputati si è astenuta nell’investitura dell’esecutivo centrista”. Dall’altro “le due opposizioni radicali, il Fronte nazionale di estrema destra e la France Insoumise a sinistra”.

Secondo numerosi studi di opinione, la sinistra di Mélenchon è emersa come il principale avversario di Macron. Mentre nel suo primo anno Hollande si trovava di fronte al movimento di La Manif pour tous, che attirava migliaia di persone per la strada contro il matrimonio omosessuale, i principali obiettivi della risposta di Macron sono i conflitti di lavoro. Uno sciopero ferroviario programmato fino alla fine di giugno, occupazioni e blocchi nelle università, mobilitazioni negli ospedali, residenze per anziani …. Il malcontento si moltiplica in questa primavera calda per Macron, ma questo non converge nelle mobilitazioni di massa. Inoltre, la mancanza di unità tra i leader politici e sindacali frena la sinistra francese.

“Anche se le divisioni rimangono tra i leader, dobbiamo costruire l’unità sulla strada”, dice Patrick Flécheux, capo del giornale militante del Fakir a Parigi e collaboratore del deputato insurrezionale François Ruffin. Figura emergente della sinistra francese, Ruffin è stato il grande promotore della “Festa a Macron”, una manifestazione festiva contro le riforme del giovane leader, che ha riunito questo sabato tra le 40.000 (secondo le autorità) e 160.000 persone a Parigi. Senza essere strabordante, questa è stata una delle più imponenti manifestazioni durante il primo anno del mandato di Macron. Un altro esempio dell’opposizione che la sinistra porta nelle strade contro il “presidente dei ricchi”.

 

Fonte originale: http://www.publico.es/internacional/macron-consolida-presidente-ricos-eliseo.html