Era il 25 maggio quando tra la 38a strada e Chicago Avenue di Minneapolis si consumava la morte di George Floyd, soffocato senza pietà dall’agente