Ada Colau ci spiega cos’hanno in comune Salvini e Trump

Ada Colau in occasione della giornata mondiale del rifugiato:

“Che cosa hanno in comune Trump e Salvini? Sono persone che usano il potere per creare insopportabili tensioni sociali e per estrarne un reddito politico. Sono persone che “disumanizzano l’altro”, “il differente”, perché non vogliono che ci identifichiamo con il suo dolore. Perché vogliono che il loro dolore ci risulti estraneo. Ma da quando ci possono risultare estranee le lacrime di un bambino o di una bambina separati dai loro genitori? La loro paura, il loro dolore non sono “diversi” dalla nostra paura, dal nostro dolore.

Trump e Salvini sono gli esponenti di un discorso dell’odio che vuole penetrare nei cuori e nelle menti della società occidentale. Non possiamo permetterlo. Che possiamo fare? Unirci. Non permettere in nessun modo che ciò avvenga. È arrivato il momento in cui tutti quelli che si rifiutano di “disumanizzare” gli altri lascino da parte le differenze e creino un grande fronte comune contro la barbarie che rappresentano Salvini e Trump, per quanto vogliano rappresentare questa barbarie al di fuori. Ma i barbari sono loro. I barbari sono qui, in mezzo a noi. E peggio ancora: governano e controllano enormi megafoni che permettono ai loro messaggi di arrivare ovunque.

Non lasciamoci intimidire da questa “paura” prefabbricata, faziosa, che inventerà qualunque menzogna. Non lasciamoci intimidire da politici che si vantano di “ripulire” le loro città: li abbiamo anche qui, molto vicini a noi. Non è “buonismo”: è realismo, è umanità. E non ci sono opzioni riguardo a “salvare o non salvare le persone dell’Aquarius”, ad esempio. L’unica opzione è farlo meglio o peggio. Però non possiamo permettere che non si faccia, perché staremmo permettendo che l’Europa si suicidi, rinunciando ai suoi principi.

L’unica opzione che ci rimane, e lo dico con il cuore in mano e cosciente che non sarà facile, è quella di smontare una ad una tutte le paure che si sono create. Conviviamo da molti anni con persone che vengono da altri paesi. NON sono i ladri, gli stupratori o i terroristi che alcuni vorrebbero farci credere. Sono le persone che assistono i nostri genitori quando sono anziani. Sono le persone che cercano di sopravvivere como possono, facendo lavori che molti, qui, non vogliono più fare. Sono figlie e figli, madri e padri, sorelle e fratelli, nonne e nonni. Come te e come me. Uniamoci e smontiamo questa paura.

Ciò che deve affondare dev’essere questa paura. Non le navi che arrivano cariche di esseri umani.”