L’estrema destra si sta coordinando a livello internazionale

Il neofascismo è in guerra contro la democrazia e contro i popoli. Solo la massima unità e il coordinamento internazionale della sinistra antifascista e anticapitalista mondiale potranno fermarlo.

Di Fran J. Pérez Esteban* – Mundo Obrero

L’estrema destra cresce ovunque, è un pericolo globale e si coordina a livello internazionale. Negli anni ’30 ha distrutto la democrazia. Ha radici lontane, ma è stato durante la crisi capitalistica del 2008 che è emersa dalla marginalità politica e ha iniziato la sua rinascita in Europa. Poi sono saliti al potere Trump negli Stati Uniti e Bolsonaro in Brasile. Entrambi hanno lasciato la presidenza, ma se alle elezioni presidenziali del novembre 2024 negli Stati Uniti Trump riprendesse il potere, l’estrema destra globale sarebbe ancora una volta guidata e promossa dal cuore dell’impero, da qualcuno che ha anche pianificato un colpo di Stato e promosso l’assalto al Campidoglio nel proprio Paese.

Durante l’attuale crisi economica ed eco-sociale del modello neoliberale, una parte del capitalismo internazionale è giunta alla conclusione che la democrazia liberale è un ostacolo alle proprie ambizioni di potere e ha deciso di puntare su modelli autoritari, populisti e ultranazionalisti, che impedirebbero le rivoluzioni popolari e persino i progetti socialdemocratici. Non sono assolutamente disposti ad accettare i limiti della democrazia liberale, né la redistribuzione della ricchezza, né il diritto all’uguaglianza, né collaboreranno ad arrestare il deterioramento del pianeta. Il loro progetto è incompatibile con la democrazia e i diritti umani.

Con Trump alla guida del governo statunitense, il coordinamento del progetto dell’ultradestra internazionale è stato guidato dal capo stratega della Casa Bianca, Steve Bannon. Dirigente dei media ed ex banchiere d’investimento, il suo pensiero ultra-reazionario è esposto sul sito web Breitbart News, da cui viene diffusa un’ideologia odiosa, razzista, xenofoba e misogina. Questo sito è stato accusato di promuovere gruppi suprematisti bianchi e neonazisti e di diffondere bufale, fake news e teorie del complotto. Ora negli Stati Uniti ci sono centinaia di siti web come Breitbart News che diffondono veleno neofascista e razzista nella società americana, dove hanno un’enorme base sociale.

Il neofascismo cresce nell’UE

E nell’Unione europea? La situazione è molto preoccupante. Le organizzazioni fasciste, le loro fondazioni e i loro media sono cresciuti. Dal punto di vista elettorale, la loro crescita è stata progressiva negli ultimi 15 anni, ma nelle elezioni del 9 giugno si aspettano di fare un grande balzo in avanti, come annunciato nei sondaggi. La novità è che per la prima volta potrebbero trovarsi nella posizione di cerniera con il Partito Popolare Europeo (PPE), come un tempo erano decisivi i liberali, da cui la destra è venuta a dipendere.

Il recente rifiuto del PPE al Parlamento europeo di firmare una dichiarazione concordata con i socialdemocratici, i liberali, i verdi e la sinistra unita contro la “normalizzazione” dell’estrema destra e qualsiasi tipo di patto con questi partiti, dopo l’attacco fascista all’eurodeputato tedesco Matthias Ecke, che ha dovuto essere ricoverato in ospedale dopo un brutale pestaggio, esprime chiaramente che il PPE e la sua leader, Ursula von der Leyen, sono aperti a formalizzare per la prima volta patti e alleanze con l’estrema destra, se necessario. L’ondata di attacchi di destra contro i politici comincia a ricordarci gli anni ’30, con una crescente polarizzazione e violenza in quasi tutti i Paesi.

Steve Bannon è stato responsabile dell’organizzazione di continui corsi di formazione politica a Bruxelles per promuovere partiti e governi neofascisti in tutta Europa. Questi corsi sono ora promossi in Spagna dalla Fondazione Disenso, diretta da Martín Frías, uno che ha fatto carriera nella FAES e ha creato la rete Floridablanca. Bannon, la vera mente e organizzatore, ha fornito consulenza a molti partiti di estrema destra in Europa e ad alcuni in America Latina.

Chi è Steve Bannon?

È stato sempre Steve Bannon ad affidare a VOX il ruolo di promuovere l’ultradestra in America Latina, e per questo Abascal ha presentato il Forum e la Carta di Madrid in Messico nel 2021, con l’obiettivo di “affrontare il comunismo nella iberosfera”. Secondo la Carta, il comunismo internazionale è protetto dal Forum di San Paolo, creato nel 1990 da Lula e Fidel Castro, e deve essere combattuto, così come il Gruppo di Puebla, che riunisce accademici, giuristi e politici progressisti di entrambe le sponde dell’Atlantico.

José María Aznar, ancora più ultra di Esperanza Aguirre (che ha partecipato all’evento di Vistalegre e ha scritto un libro a favore dell’unione tra PP e VOX), ha anche creato anni fa, insieme al fondatore dell’Università privata europea di Madrid, Julio Fidalgo, l’Istituto Atlantico di Governo (IADG), un centro di formazione per leader della destra spagnola e latinoamericana, incorporando nell’azionariato dell’Istituto importanti imprenditori latinoamericani. È dedicato alla formazione di “leader” che saranno i leader ultraliberisti di domani.

Nella Sinistra Alternativa dobbiamo essere più consapevoli di chiunque altro che l’estrema destra è più che in crescita nell’UE, e dobbiamo cercare la massima unità e mobilitarci in un allarme antifascista, a partire dal voto. Dobbiamo impedire all’estrema destra di imporre alla società e all’agenda politica l’anticomunismo, la sicurezza, la paura dell’immigrazione, la lotta al femminismo, il collettivo LGTBI e l’Agenda 2030. Perché ci sta riuscendo. E questo nonostante nel Parlamento europeo si sia diviso in due blocchi con differenze tra loro, Identità e Democrazia (guidato da Marine Le Pen) e Conservatori e Riformisti Europei (guidato da Giorgia Meloni). Ma insieme possono rappresentare il 25% del Parlamento europeo e già governano in diversi Paesi in alleanza con le destre tradizionali.

Conclave neofascista a Vistalegre

L’allarme antifascista ha funzionato in Spagna il 23 giugno 2023, il voto di sinistra è stato mobilitato e siamo riusciti a mantenere un governo progressista, che continua ad andare avanti e a legiferare, soggetto, ovviamente, a continue erosioni e vessazioni. Ma siamo quasi un’eccezione nell’UE, e attenzione, Abascal ha mantenuto i suoi undici deputati in Catalogna e ha appena esibito a Vistalegre (Madrid) il grande sostegno dei suoi correligionari: Marine Le Pen (Francia), André Ventura (Portogallo), Viktor Orbán (Ungheria) e Giorgia Meloni (Italia).

Per attaccare il governo, ha usato il peggiore di tutti, il più spregevole e abietto, Javier Milei, presidente dell’Argentina. Ultraliberista economicamente, neofascista politicamente e psicologicamente squilibrato, è il pazzo che fa comodo all’oligarchia argentina di oggi per tagliare i diritti in modo autoritario e selvaggio. È un burattino del potere reale che lo usa per fare tutto il lavoro sporco, perché è proprio questo il ruolo del fascismo. Milei è quel tipo di pazzo pericoloso di cui Seneca diceva che né il potere né la spada dovrebbero mai essere messi nelle sue mani. E Abascal lo ha portato in Spagna come modello e per continuare a insultare e generare un clima di polarizzazione e odio verso la sinistra. Ha già generato un conflitto diplomatico.

Ciò che dimostra chiaramente il convegno o conclave neofascista di Vistalegre del 18 maggio è che l’ultradestra è unita e si aiuta a vicenda per accumulare forze nella conquista del potere. Si sta coordinando e sta facendo di tutto per imporre modelli autoritari, nazione per nazione, ma anche a livello globale, di potere mondiale, anche se molti cittadini non sembrano ancora rendersene conto, a causa dei tamburi di guerra in Europa.

La Trilaterale, il Pentagono e Steve Bannon

Gli specialisti sanno che il vero potere politico ed economico globale, al di là delle multinazionali, non è sullo schermo del G-20, ma nella Commissione Trilaterale, anche se proprio per questo i giornali non ne scrivono molto. In Spagna, solo il quotidiano El País, per la sua vicinanza alla Commissione, pubblicava le sue riunioni, ma ha smesso di farlo anni fa. In pratica, la Trilaterale opera come un’organizzazione semi-clandestina. Fondata a Tokyo nel 1973 da David Rockefeller e Brzezinsky, riunisce i più potenti rappresentanti economici delle tre principali aree dell’economia capitalista: Stati Uniti, Europa e Asia. Ne fanno parte anche politici di spicco e giornalisti dei media tradizionali. È stata ideata contro la Tricontinentale, quel progetto di lotta e liberazione dei popoli oppressi del mondo di cui facevano parte Ben Barka, Fidel Castro, Che Guevara o Patrice Lumumba. Ma è sopravvissuto alla Guerra Fredda e oggi la Trilaterale discute senza dubbio di guerre, democrazia liberale e neofascismo.

Che il potere militare mondiale risieda nel Pentagono e nelle 700 basi militari che gli Stati Uniti hanno in tutto il mondo è ovvio, come ha spiegato molto bene il grande politico antimperialista dominicano Juan Boch nel suo indispensabile libro El pentagonismo, sustituto del imperialismo. Ed è stato anche anni fa che i cosiddetti “falchi neri del Pentagono”, prestigiosi accademici e alti comandanti militari, mentre era Segretario di Stato Condoleezza Rice, sostenevano che il dominio imperiale del mondo non poteva essere raggiunto senza eliminare le Nazioni Unite e il diritto internazionale, perché rappresentavano importanti limiti agli interessi geopolitici degli Stati Uniti.

Il Pentagono è sempre stato un promotore di dittature, colpi di Stato, lawfare e progetti autoritari: la fine della democrazia liberale sarebbe un problema per loro? Il genocidio televisivo a Gaza non è forse una messa in discussione del diritto internazionale e delle Nazioni Unite?

Leggiamo Juan Boch e impariamo, conosciamo chi è e cosa pensa Steve Bannon e cominceremo a capire molte cose. Hanno letto Gramsci e hanno capito che per vincere dovevano cercare l’accettazione sociale, conquistare l’egemonia culturale, e ci stanno riuscendo. È per questo che non si vedono skinhead da anni, ma i nazisti esistono anche senza la simbologia nazista, ovviamente.

Il neofascismo è in guerra contro la democrazia e contro il popolo. Solo la massima unità e il coordinamento internazionale della sinistra antifascista e anticapitalista mondiale potranno fermarlo. L’esperienza storica ci dice che è arrivato al potere e ha messo fine alla democrazia. Ha portato solo guerra e distruzione.

 

*Responsabile diritti umani e cooperazione per Izquierda Unida